L’Italia può diventare il tech hub dei prossimi anni? Non lo raccontano solo le speranze di chi anima la sempre più ricca scena delle startup nostrane ma gli ultimi dati della società statunitense CB Insights.

Da quelle cifre esce infatti un aumento del 208% delle operazioni di finanziamento fra il biennio 2011-2012 e quello appena concluso, 2013-2014. Ecco perché per molte giovani aziende italiane, che abbiano già toccato ottimi risultati e vantino solide prospettive o siano salpate da poco e ancora alla ricerca di venture capitalist disposti a credere il loro, il 2015 può essere l’anno della svolta.

http://www.wired.it/economia/start-up/2015/03/04/10-migliori-startup-ditalia/